advert 1
advert 2
advert 3

L'armonia interiore e l'abbandono al divino

Durante i due giorni si alterneranno momenti di meditazione e di danze sacre guidati nella sala comune dedicata all’attività e momenti di libertà per ritrovare se stessi nella pace interiore soffermandosi nel giardino del santuario o passeggiando lungo l’Adda. Ciascuno potrà scegliere se desidera vivere questi due giorni nel totale silenzio o dialogare con i frati e i compagni. Verranno per questo attrezzate due sale per il refettorio, una insieme ai frati e l’altra per chi sceglie il silenzio. Nella sala comune delle attività si entra in rigoroso silenzio, si ascoltano le spiegazioni e si vive l’esperienza senza parlare, così anche nei corridoi del convento. In giardino e lungo il fiume si può dialogare con i compagni. Chi sceglierà il silenzio dovrà portare al polso sinistro una ben visibile fascetta bianca, in modo che i compagni sappiano che preferisce non parlare.

Gli stati interiori che svilupperemo con la musica, la meditazione, i mudra e la danza saranno:
  • L’Armonia e la Grazia
  • La chiarezza
  • L’abbandono al Divino nella gioia

© 2010 tutti i diritti riservati
Ultimo aggiornamento Martedì 08 Gennaio 2013 17:35