advert 1
advert 2
advert 3

Alle origini dell'essere


Canto, suono, danza e oltre
 
...e le corde vibrano... Da dove viene quel suono melodioso? Da quale profondo lago d'incanto emerge il suo ricordo? Quanto tempo ancora prima di tornare a casa?

L'esperienza della trascendenza fa parte del nostro bagaglio ancestrale, di un'eredità che spesso preferiamo dimenticare... ma il suo richiamo a volte ritorna nel frastuono della quotidianità, a volte così forte da coprire ogni rumore, è allora che capiamo che alla nostra vita manca qualcosa... In quel momento il viaggio ricomincia. Un viaggio alla scoperta. Un viaggio alla scoperta degli stati alterati di coscienza non ciporta in nessun altro luogo se non nel profondo di noi stessi, alle radici del nostro essere.

... e il corpo risuona... Dove mi porta questa danza? Quale magica memoria nel mio corpo sta danzando per me? Quante altre parti di me si uniscono alla mia danza?

Sperimentare la spiritualità significa superare i limiti concettuali della mente per Essere e Sentire. Con la sanza la spiritualità entra nella fisicità della vita, ma una danza che all'esteriorità della tecnica privilegi l'espressione sincera di un corpo vivo; un corpo che danza la suaanima riconosciuta. Danzare ci mette in connessione con la nostra essenza profonda e apre la porta al flusso divino che è in noi. Quando la coscienza si espande, con la danza diventiamo interpreteti dei motivi universali dell'umanità e del cosmo che ci appartengono; allora il gesto si carica di una forza spirituale millenaria che è archetipa e la danza diventa evocazione e manifestazione del divino, esperienza di "creazione" di amore, di estasi, di ritorno alle origini.

Qual'è il segreto del mio canto? E' l'Universo che risuona nella mia gola E incontra il corpo in un abbraccio che è suono.

La musica e il canto sono presenti in tutte le tradizioni religiose e si parla di un suono creatore in tutte le cosmogonie: La recitazione dei mantra, il canto gregoriano, i canti ipnotici degli sciamani stanno ad indicare che musica e trascendenza sono profondamente unite; il suono sa essere intensamente presente tra la realtà e ciò che stà oltre. Tanto è fisico uno strumento, quanto è magico nel momento in cui si suona e non appena ascoltiamo un suono, ecco già scompare.. 
 
© 2010 tutti i diritti riservati
Ultimo aggiornamento Martedì 08 Gennaio 2013 17:21