advert 1
advert 2
advert 3

Trasmuda® è - approfondimenti

TRASMUDA® è una Metodologia per il benessere psicofisico, l'evoluzione esistenziale e spirituale e la riabilitazione che si colloca nell'ambito della Danzaterapia e si definisce per l'orientamento eziologico e di cura BIO-PSICO-SPIRITUALE.
Essa utilizza principalmente l’esperienza corporea (danzaterapia)
integrata alle altre arti, ai Mudra e alla meditazione.
La musica svolge in Trasmuda® un ruolo fondamentale, inducendo cambiamenti di stato di coscienza e veicolando l’energia in modo specifico all’interno del corpo e nei corpi sottili (aura), attraverso il sistema energetico dei 7 principali chakra fisici e dei successivi 4 extracorporei.
Le esperienze in stato differenziato di coscienza consentono di raggiungere ricordi e sciogliere traumi inaccessibili in stato lucido ordinario.
La profondità dell’esperienza così condotta e la possibilià di incontrare altre "presenze" nei mondi sottili, crea nella persona che pratica Trasmuda® una forte connessione con il Sè Spirituale e con le sue radici antiche andando oltre alle esperienze condizionate dalla propria infanzia, poichè la dimensione "transpersonale" accede a risorse intatte, restituendoci alla gioia originaria.


COME NASCE TRASMUDA®

Trasmuda® nasce da una profonda ricerca della dott.ssa Renata Righetti sulle potenzialità che il corpo ha di portarci "oltre il corpo" e sulla necessità di coinvolgere il corpo nelle esperienze spirituali per curare la scissione moderna fra corpo, anima e spirito che è alla base dello stato che precorre la malattia; dal desiderio viscerale e antico di creare una prevenzione e una riabilitazione efficace e realmente connessa alle sorgenti vitali personali e transpersonali di ogni essere umano; dall’amore profondo che la lega ad ogni essere umano e la spinge da sempre a cercare strumenti per lenire la sofferenza, ma soprattutto per "risvegliare" la coscienza e restituire ciascuno alla meraviglia che ha già in sé.
La ricerca (spazio)è sempre stata vissuta sul campo: la dott.ssa Righetti inizia a 15 anni a mettere a frutto la propria esperienza di ginnasta, insegnando ginnastica artistica acrobatica e ginnastica formativa ai bambini, e prosegue per molti anni. Successivamente amplia la sua attività con l’espressione corporea per adulti e gli anziani, tramite la biodanza e la danzaterapia inizialmente e con Trasmuda® poi. Dal ’94 conduce gruppi di riabilitazione a mediazione corporea in psichiatria, neurologia (Parkinson, Alzheimer..) handicap e benessere psicofisico,
Lo studio, la stesura di testi per Trasmuda® e la sperimentazione scientifica hanno sempre affiancato l’esperienza diretta creando un flusso di domande e risposte che andava prendendo forma nel tempo in un metodo preciso: Trasmuda®.
Nel 2004 il contratto con le edizioni Xenia per il libro Trasmuda: Danza Mudra e benessere diventa un’ottima occasione per chiarire e sistematizzare definitivamente il metodo che "viveva" già nei gruppi dal 1999.

Poi la prima grande scommessa: se è vero che Trasmuda® è un metodo e non solo un’attitudine personale, significa che si può insegnare agli altri
Nasce così nel 2006 il primo ciclo triennale di formazione nel metodo Trasmuda®, denominato per i primi due cicli Counselor esistenziale a mediazione corporea metodo Trasmuda®" e “Operatore bio-psico-spirituale metodo Trasmuda® , gestito in parternariato con l’I.S.U.E (Istituto di Scienze Umane e Esistenziali).
Dopo l’esperienza dei primi due cicli scolastici, si è sentito il bisogno di poter aderire totalmente, senza adattamenti, ai principi di cura della medicina bio-psico-spirituale e per questo con il III ciclo , che avrà inizio in autunno 2012, cesserà il parternariato con l’I.S.U.E. e il corso sarà definito "Operatore Trasmuda® bio-psico-spirituale”
Nel 2008 i primi successi delle allieve del I ciclo, ancora tirocinanti, nella riabilitazione con il Parkinson presso l’Istituto "Golgi Redaelli" di Vimodrone (MI), presso la scuola d’infanzia di Novi Ligure, nella riabilitazione con l’handicap e nel benessere, mostrano che Trasmuda® è a tutti gli effetti un metodo, ha una sua struttura, dei contenuti precisi e può quindi essere trasmesso ed applicato con efficacia anche da altri.

La seconda grande scommessa, consiste nella possibilità del metodo Trasmuda® di essere valutato secondo gli "aridi" test scientifici in uso corrente internazionale per la riabilitazione.
È vero che accade molto di più con Trasmuda® di quello che questi test possono valutare, ma rispetto agli ambiti ristretti a cui essi si riferiscono, la precisione con cui il metodo Trasmuda® realizza gli obiettivi riabilitativi risulta evidente, così come messo in evidenza dalla sperimentazione portata avanti con il progetto Parkinson; per approfondire il progetto e la pubblicazione sulla rivista scientifica ”I luoghi della cura” – giugno 2011

La struttura metodologica di Trasmuda ® consente all’operatore l’integrazione anche di ulteriori linguaggi artistici e la piena espressione della sua creatività
Essa si snoda infatti intorno a una asse centrale sperimentata e ben collocata dal punto di vista scientifico/spirituale, che identifica precisi ambiti di intervento rispetto alle varie dimensioni dell’essere umano e processi metodologici per attivarle.
Tale metodo si presta quindi ad adattamenti diversi nei vari contesti, ma soprattutto alla sua intrinseca evoluzione: Trasmuda® dal 2000, quando ha preso forma, ad oggi si è infatti arricchita moltissimo e la sua efficacia è sempre più profonda e veloce.
Ai futuri diplomati e alla dott.ssa Righetti il compito di restare sempre nella ricerca, fervidi di domande e risposte, spinti dalla creatività e dall’amore per gli esseri umani e per la conoscenza.

Le basi epistemologiche di Trasmuda® sono nella medicina olistica, nella PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) e nella psicologia psicodinamica e transpersonale, nel sistema di lettura dei chakra e nella consapevolezza dei processi energetici che si sviluppano con la Danza (Danzaterapia), la musica (Musicoterapia) e le arti (Arteterapia) a livello organico, emotivo, psichico, energetico e spirituale.

Si tratta di un nuovo modo di intendere le attività espressivo corporee e la danzaterapia metodo Trasmuda® si basa sul legame profondo che dalla triade corpo - musica - movimento esperito, sfocia nella dimensione spirituale per tornare poi nel corpo e guarirlo anche a livello organico -psichico, avendo ristabilito l’armonia spirituale microcosmo-macrocosmo.
Danzando con Trasmuda® infatti spontaneamente si schiudono i sensi spirituali come naturale espressione di un processo di integrazione che pulsa fra:
strutturazione dell'io <---> scioglimento delle difese caratteriali
che, alla sua ottava superiore, si traduce nella pulsazione
intensificazione della presenza <---> espansione della coscienza
per arrivare all’obiettivo ultimo cui tende Trasmuda® che è la presenza trascendente.
La presenza trascendente è uno stato di coscienza lucido, ma amplificato, che permette la percezione contemporanea della realtà materiale e spirituale e l’utilizzo dei sensi fisici e sottili con costanza, fluidità e integrazione.

La presenza trascendente è uno stato di coscienza lucido, ma amplificato, che permette la percezione contemporanea della realtà materiale e spirituale e l’utilizzo dei sensi fisici e sottili con costanza, fluidità e integrazione.
Trasmuda® con le sue pratiche accompagna l’evoluzione attraverso un dialogo equilibrato fra corpo fisico, eterico, astrale e organizzazione dell'io, dal cui rapporto, come Steiner descrive anche nei casi clinici, derivano la salute o la malattia. (R. Steiner e Ita Wegmon,"Elementi fondamentali per un ampliamento dell'arte medica". Editrice antroposofica).
Si possono sottolineare a questo proposito i progressi della medicina ufficiale nel campo della PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia), dove si restituisce la giusta dignità all’antico sistema di lettura evolutiva dell’uomo basato sui chakra e alla ghiandola pineale. La ghiandola pineale è stata estromessa dai testi nello studio del sistema endocrino come "poco importante" per molti secoli e purtroppo tuttora non viene dovutamente considerata nel mondo accademico.
Grazie alla PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) invece, in essa si identifica oggi nuovamente, come nell’antichità, la connessione con l'universo e il punto di equilibrio fra "microcosmo uomo" e "macrocosmo universo"; le viene inoltre riconosciuto il ruolo di vertice del sistema endocrino che la medicina allopatica fa invece incominciare nella ghiandola ipofisi, come se la pineale non avesse nessuna influenza nel nostro organismo! (per approfondimenti, vedi Paolo Lissoni "Teologia della scienza" Edizioni Natur)
In Trasmuda® i corpi spirituali sono riconosciuti e vissuti secondo le più comuni classificazioni nate dall'esperienza di sensitivi quale Barbara Brennan, Nordwald Pollock, Anodea Judith, Cyndi Dale e confermati anche dalle esperienze vissute in prima persona dalla dott.ssa Renata Righetti.
Ad ogni "strato" dell'aura corrisponde una dimensione diversa di coscienza sempre più amplificata man mano che ci si allontana dal corpo fisico.
I sette Chakra fisici "tramite di interazione tra psiche e corpo fisico molecolare" (Dott. Paolo Lissoni, vedi opera citata) rappresentano la base metodologica per l'applicazione pratica del metodo Trasmuda®. Essi vengono stimolati e riequilibrati attraverso la danza, la musica, i mudra, la meditazione, le forme e i colori. La loro stimolazione può avvenire in stato di coscienza ordinario o differenziato producendo effetti diversi.
Se ad esempio l'obiettivo è ricordare e rimuovere un trauma che si trova relegato nell'inconscio si porterà l'allievo con danze e mudra specifici in uno stato di coscienza leggermente modificata, adatto ad entrare in contatto con la sua ombra; le energie verranno poi, sempre grazie alla musica e al movimento, veicolate verso il tema scelto.
Se lo scopo invece è rinforzare la strutturazione e l'organizzazione dell'io, i chakra vengono attivati in stato di coscienza ordinario nella pulsazione interiorità<--->espressività.
Ogni processo attivato a livello dell’IO, viene collegato anche alla dimensione spirituale per favorire l’integrazione col Sè.
Quando l'obiettivo è entrare nella dimensione del proprio Sè spirituale in modo specifico, musica, danza e mudra trasmettono la vibrazione adatta per raggiungere uno stato di coscienza modificato nelle vibrazioni dei chakra superiori corporei ed extracorporei.
Le danze in Trasmuda® possono essere libere, strutturate (simboliche, sacre), semi-strutturate, a occhi chiusi o aperti a seconda dell'obiettivo che ci si è prefissati, sempre connesse a una musica che ne esprime perfettamente l'energia della matrice. Nelle danze libere e semi strutturate si propone sempre consapevolmente una matrice di movimento che è la "forma" che racchiude la qualità dell'energia che si ricerca e si sviluppa in quella esperienza. La matrice rende manifesta la qualità vibrazionale in rapporto alla melodia, allo spazio, al flusso, al peso.
L’operatore bio-psico-spirituale metodo Trasmuda® in formazione, dovrà imparare a riconoscere all’interno di qualsiasi danza spontanea la matrice che gli consente di estrarne la “forza terapeutica”. La matrice viene comunicata al gruppo tramite poche precise parole, la musica e la danza dell'insegnante e viene sempre lasciato libero l’allievo di elaborarla personalmente. La matrice può diventare anche struttura organizzata da eseguire senza elaborazioni personali e in modo perfetto nelle danze simboliche (ad es. le danze inspirate all'energia del cerchio, del quadrato e del triangolo, le danze sacre ispirate all'energia del sole e della luna o altri archetipi).
In riabilitazione la matrice può diventare una possibilità di proposte di movimento semplici e di grande efficacia.
L’identificazione della matrice, l’elasticità delle consegne, che possono variare da una lieve induzione fino a un tema preciso, l’attivazione di stati differenziati di coscienza e la collocazione energetica dell’obiettivo e del processo attraverso il sistema dei Chakra, sono principi che guidano in Trasmuda® tutte le attività, anche quelle artistiche che integrano spesso la danza e la meditazione.
La divisione dei linguaggi è, per la Dott.ssa Renata Righetti, un artificio mentale, che non ha più senso quando si considera la realtà sotto l’aspetto vibrazionale... dal suono nasce il movimento , il movimento dà vita alla traccia...la traccia prende forma in un’immagine, in una parola, in una melodia... e tutto si rende manifesto.
I linguaggi espressivi artistici utilizzati in Trasmuda® sono vari, ecco alcuni esempi, dai più classici ai più originali: il segno e la sua energia - l’ombra e la luce - il colore come entità spirituale - forme e simboli moderni e antichi - mandala - tecniche pittoriche bagnate e asciutte - incisioni sulle patate ! - argilla - maschere...
La preparazione dello stato interiore/spirituale e del campo di energia adatto allo svolgimento e alla manifestazione del tema scelto, sono spesso preparati e amplificati anche dai Mudra .

Una nota particolare riguarda la collocazione degli archetipi nella dimensione transpersonale che è propria di Trasmuda®. Essi possono essere in alcuni casi considerati, come per la psicologia Junghiana, energie presenti nell’inconscio collettivo (e primordiale per Trasmuda®) che attraverso processi di danza o meditazione, vengono risvegliati in modo che la loro energia possa fluire disponibile nella psiche e nel corpo, migliorando la vitalità e alcune specifiche doti.
In altri tipi di esperienze, condotte in stato di coscienza profondamente differenziato (estasi, stato sciamanico), dove si "visitano" altre dimensioni della realtà (mondo di sotto e mondo di sopra secondo la cosmogonia sciamanica, universi fluidi) gli archetipi e le figure che si incontrano, sono considerate come reali presenze di altri mondi, con cui attivare uno scambio nutriente di evoluzione e di guarigione, che può accompagnare l’allievo nel tempo.
L’elasticità e la profondità della struttura metodologica di Trasmuda® rendono possibile, e in alcuni ambiti la richiedono in modo specifico, l’applicazione parziale o adattata delle sue possibilità.
L’operatore bio-psico-spirituale metodo Trasmuda® avrà compreso nella sua formazione e sperimentato nel suo tirocinio quella saggezza che gli consentirà di operare le scelte adeguate al contesto in cui si troverà ad operare.

TRASMUDA® si può applicare (ed è già stata sperimentata) in vari ambiti:

  • Con i bambini: prevenzione del disagio psicologico/relazionale e disturbi psicosomatici.
    Tutti i bambini possiedono una meravigliosa magia interiore che diviene difficile conservare crescendo nella nostra società culturale e con i mezzi educativi che essa ci offre. Essi sanno vivere intensamente il presente, sanno meravigliarsi e aprire il loro cuore con candore alla vita, sanno esprimere il disagio e la gioia con tutto il loro essere e soprattutto vivono ancora in profonda connessione con gli istinti che sono le nostre forze organizzatrici di sviluppo e conservazione della vita e con la dimensione spirituale che ci dona il senso del nostro cammino e la visione di una realtà più ampia di quella relegata nei confini della materia a cui si affida la mente razionale dell’adulto nella nostra cultura.
    Solo pochi adulti riescono a conservare questo meraviglioso patrimonio che ci rende liberi, sani e vitali, in grado di esprimere i nostri talenti e realizzarli, all’interno di un dialogo armonico con l’universo.
    Trasmuda® è una possibilità anche per gli adulti di recupero di questa magia;
     
  • Con gli adulti e gli anziani: disturbi psicosomatici, disagio psicologico (problemi relazionali, sessuali, astenia, depressione, ciclotimia, disturbi dell’alimentazione) e esistenziali (insoddisfazione e disorientamento, cambiamenti difficili) ma anche semplice voglia di crescere, conoscersi e ritrovarsi;
     
  • Nella riabilitazione: in psichiatria e neuropsichiatria, (sindrome di Down, ritardo mentale, psicosi da innesto), nei disturbi neuromotori (Parkinson) e nelle demenze senili (Alzheimer). L’utilizzo di questo metodo in riabilitazione ha mostrato la sua efficacia in tutti gli ambiti, creando anche nell’utente un livello di coinvolgimento notevole in grado di aumentare la motivazione alla cura.
    Il paziente inserito in un gruppo di Trasmuda® smette gradatamente di "subire" quel momento come un medicamento necessario e comincia ad aderire con motivazioni personali. I risultati sono spesso velocemente riscontrabili sia sul piano cognitivo e motorio sia bio-psico-spirituale.
     
  • Nella Formazione e aggiornamento Operatori: Trasmuda® è già stata utilizzata con gli educatori, operatori sociosanitari, psicologi, psicomotricisti e fisioterapisti e in ambiti aziendali.
    Essa si è rivelata efficace nel dare agli operatori nuovi strumenti di "incontro" col paziente, strumenti che ciascuna figura professionale ha potuto inserire nel proprio quotidiano lavoro; nell’offrire una nuova visione del malato e della malattia;
    nel miglioramento delle relazioni fra operatori;
    e infine nel superamento, attraverso tanti nuovi stimoli, di fasi di stanchezza o born -out.

© 2010 tutti i diritti riservati
Ultimo aggiornamento Sabato 27 Luglio 2013 08:49